Poesia– Pagina 10 di 10 – La Sepoltura della Letteratura

La vecchiaia come valore aggiunto

La vecchiaia come valore aggiunto

La nuova vecchia La donna vecchia non è mai per intero colei che crede perché è anche sempre tutte quelle che è stata – sebbene mai davvero la donna che gli altri erano certi di conoscere. Il volto che oggi mostra non lo ha mai visto il mondo: un volto che sinora l’una nell’altra solo

Riflessioni intorno a “La Madre” di G. Ungaretti

Riflessioni intorno a “La Madre” di G. Ungaretti

Questa mattina mi sono imbattuta nella poesia La Madre di Giuseppe Ungaretti, una bellissima lirica composta per la morte della mamma avvenuta nel 1930. E il cuore quando d’un ultimo battito avrà fatto cadere il muro d’ombra per condurmi, Madre, sino al Signore, come una volta mi darai la mano. In ginocchio, decisa, Sarai una statua

La Poesia come smarrimento

La Poesia come smarrimento

[…] Ma sedendo e mirando, interminati Spazi di là da quella, e sovrumani Silenzi, e profondissima quiete Io nel pensier mi fingo; ove per poco Il cor non si spaura. […] (Versi tratti dalla magnifica poesia di Giacomo Leopardi: L’Infinito. Da G. Leopardi, Canti, 1993, Feltrinelli, Milano, vv. 4-8.)  Per questa discussione, in merito allo

Un mesopotamico carpe diem

Un mesopotamico carpe diem

Una delle poesie più famose di tutti i tempi è forse il carme del Carpe Diem di Orazio: una perla per coesione, ritmo, capacità evocativa. Una perla che invita a cogliere ogni momento della vita, e a preoccuparci di meno del capire cosa ci riserva il domani, quali saranno le coincidenze, le prenotazioni e gli

Donna che abbiamo in noi: la poesia per Oliver Friggieri

La poesia è donna che abbiamo in noi Durante nove lunghi mesi, lunghi come nove secoli, è una gravidanza senza parto ed è bene così. Altrimenti la matrice sarebbe sterile, e il neonato morto. I suoi nove secoli non passano mai. (Oliver Friggieri) Quando ho letto questa poesia ho esclamato: Finalmente qualcuno che la pensa

es auf keinen grünen Zweig bringen, di Bianca Brecce

es auf keinen grünen Zweig bringen, di Bianca Brecce

sai tremo mentre ci scrivo per la prima volta perché non concludo mai niente ES AUF KEINEN GRÜNEN ZWEIG BRINGEN quando incomprensibili le parole                fra noi?! come l’ultima volta! gambe slacciate sotto al pianoforte le carezze e l’acqua che dalla finestra entrava spandeva un brivido azzurro la vena

Quando alla Poesia mettono il bavaglio

Quando alla Poesia mettono il bavaglio

Hanno chiuso la cella; hanno buttato la chiave. La penna è diventata un ago e la carta tante pezze da cucire. Questa è la pena assurda che sta scontando il poeta Lu Xiaobo, colpevole di aver aderito al movimento Charta 08, di cui è stato il primo firmatario e  alla cui stesura aveva attivamente collaborato.

In principio

In principio

Chi segue La Sepoltura della Letteratura avrà incominciato a prendere dimestichezza con le sue tre rubriche; oggi ne aggiungiamo una quarta, dal titolo Intersezioni, che avrà cadenza settimanale: tutte le domeniche (ma, come scrive Zerocalcare, non è un patto di sangue) vi presenterò (o propinerò, vedete voi) racconti strani sull’arte e la letteratura orientale, e sui