Novecento – La Sepoltura della Letteratura

Still crazy after all these years: Paul Simon in 10 canzoni 

Still crazy after all these years: Paul Simon in 10 canzoni 

Ascolta la playlist di Spotify qui   È il 22 settembre del 2018, la notte avvolge il Corona Park, nel distretto di Queens a New York. C’è un uomo sul palco; che è anziano lo si vede dai capelli, dalle rughe, dalla pelle, ma è dritto e sereno mentre imbraccia la sua chitarra e accenna

George Grosz – l’arte, la vita e la politica

George Grosz – l’arte, la vita e la politica

Al tramonto della prima guerra mondiale, la Germania iniziò un’inesorabile discesa verso il baratro. Ben prima della parentesi Nazista infatti, il paese si ritrovò in un periodo di profonda crisi economica. Nello scenario di povertà e miseria che caratterizza la nascita della Weimarer Republik, la ben nota “Repubblica di Weimar”, e al cui interno sono

La salvezza della morte: Pietra oscura. Controversia, di Mario Luzi

La salvezza della morte: Pietra oscura. Controversia, di Mario Luzi

Il diritto di vivere, inteso come fonte di tutti i diritti, in determinate circostanze include anche il diritto di morire. Hans Jonas Pensare alla morte mentre si è vivi, immaginando il proprio funerale, il dolore delle persone care e degli amici. Pensieri segreti, difficili da esprimere, un’immaginazione  lugubre, tenuta segreta per pudore, per imbarazzo per

To Be Free: Nina Simone in 10 canzoni

To Be Free: Nina Simone in 10 canzoni

È la sera del 12 aprile 1963, una donna si sistema il trucco nel suo camerino prima di salire sul palco: il suo sguardo è duro mentre si dipinge delle gocce color perla sulla pelle nera, a sottolineare la linea severa del sopracciglio. Eunice Waymon ha finalmente realizzato il suo sogno: sta per suonare al

Ishiguro, Never Let Me Go – Metafora di un’umanità ai tempi del Coronavirus

Ishiguro, Never Let Me Go – Metafora di un’umanità ai tempi del Coronavirus

«Questo romanzo straordinario e, alla fine, spaventosamente intelligente non riguarda affatto la clonazione o l’essere un clone. Riguarda il motivo per cui non esplodiamo, perché non ci svegliamo un giorno e andiamo singhiozzando e piangendo per la strada, buttando tutto a pezzi a causa del senso crudo, esasperante e completamente personale della nostra vita, non

Danilo Dolci: la poesia maieutica

Danilo Dolci: la poesia maieutica

Con la bocca piena di capitali investimenti prodotti rendite non si sa calcolare: la spenta fantasia rumina necrofilia. Vivere costa: ma troppo costa sprecarsi, troppo guarire, troppo iniettare veleno inquinando pure il latte materno, troppo condensare l’astio in ordigni per fessurare il mondo. Economia è imparare a costruire la citta terrestre – ambiente e sguardo

Fred e Ginger, ballando guancia e guancia

Fred e Ginger, ballando guancia e guancia

Nel 1933, gli Stati Uniti erano usciti da un paio di anni dalla recessione, il proibizionismo era finito e Hollywood stava vivendo il suo periodo d’oro. Il musical era uno dei generi che andava per la maggiore, favorito dalla recente scoperta del sonoro e dal teatro di varietà, una forma d’arte costituita da una sequenza

Il visuale in musica: i suoni e la loro rappresentazione

Il visuale in musica: i suoni e la loro rappresentazione

Perché rappresentare la musica? Come mai e in che modalità si è sentita la necessità di trovare un codice che potesse rappresentare il suono? Ma, soprattutto, quante tipologie differenti di notazione ci sono state fino ad ora? Siamo soliti abbinare la musica principalmente a due immaginari di scrittura, dalla chiave di violino con note nere

L’urgenza dell’utopia: Ursula Le Guin e l’anarchia di Anarres

L’urgenza dell’utopia: Ursula Le Guin e l’anarchia di Anarres

Coloro che costruiscono i muri sono prigionieri di sé stessi Ursula K. Le Guin – I reietti dell’altro pianeta. Un’ambigua utopia. Mondadori, 2014. 339 pg. Parliamo spesso di muri. In modo esplicito, come quello tra USA e Messico o quelli ungheresi; in modo più ambiguo, chiudendo i porti e i confini, come nel Mediterraneo, e,