Medio Oriente – La Sepoltura della Letteratura

Our War e la poesia del popolo curdo

Ci sono film che non si riescono a vedere facilmente. Escono, ma i cinema li tengono poco, o non li tengono affatto. Nemmeno quando vengono presentati a festival di primo piano. È il caso di Our War, il documentario di Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti e Claudio Jampaglia. E questo per dire il perché di una

La parrucchiera di Kabul: emancipazione tra spazzole e trucchi

Fortunatamente, sono una Lady Marian del mio tempo. Ho coscienza, intelligenza e talento ma sono destinata a continuare a vivere in cattività dietro le sbarre della prigione della vita come un uccello in gabbia. […] (versi tratti da una poesia di Farida Alami) La meravigliosa lirica di Farida Alami funge da Prologo al libro di

Il volto di Istanbul

E’ una città di quelle che ti prendono alle spalle, ti aggrediscono e ti lasciano lì, solo, pieno di dubbi e con una grande voglia di vivere nel cuore. Nera nera d’autunno, scintillante in estate, cambia d’abito come una grande attrice, tra un atto e l’altro. Istanbul. Oggi appare forse meno malinconica al visitatore, abbacinato

2016 tra guerra e speranza

Quest’anno ci siamo risvegliati da un lungo sonno. A poco sono serviti i richiami, i servizi, le raccomandazioni. Ci siamo svegliati e il risveglio è stato di quelli che ti lasciano la bocca impastata, la mattina, quando sei lì, e non capisci se stai ancora sognando o no, e i pezzi del sogno incominciano a

gilgamesh

Al tempo del Diluvio

L’antica Grecia, allo storico ottocentesco, doveva sembrare una sorta di grande fungo che spuntasse così, dal nulla, in un mondo barbaro in cui non vi erano grandi civiltà ispiratrici, escluso il troppo antico Egitto e l’inviso (nonché invidiato) Impero Persiano. La superiorità e ancor più l’originalità del mondo greco erano concetti ovvi e indiscussi. Certo

Paul Gaugiun, dove siamo da dove veniamo e dove stiamo andando

Un mesopotamico carpe diem

Una delle poesie più famose di tutti i tempi è forse il carme del Carpe Diem di Orazio: una perla per coesione, ritmo, capacità evocativa. Una perla che invita a cogliere ogni momento della vita, e a preoccuparci di meno del capire cosa ci riserva il domani, quali saranno le coincidenze, le prenotazioni e gli

gilgamesh

Gilgamesh: prima del mondo

Più che un articolo, è un appello. Alla Casa Editrice Mondadori, che purtroppo non stampa più L’epopea di Gilgamesh a cura di Giovanni Pettinato. Detta così, sembra una richiesta superflua. Invece no, perché l’edizione di Giovanni Pettinato è stato un importantissimo progetto editoriale: è l’unica edizione italiana filologicamente accurata e integrale di questa antica epopea.