Blog

Al-Hallaj, il Cristo dell’Islam

L’Islam per me è sempre stato un mistero. Islam, “sottomissione”: di primo acchito provo un forte scetticismo per questa parola. Poi però, una moschea dopo l’altra, un incontro dopo l’altro hanno generato in me, non credente, una inspiegabile, irrazionale attrazione. Non è facile spiegarlo, non è facile parlare di Islam, soprattutto dopo i recenti avvenimenti

Un Corona per i vostri pensieri

Un Corona per i vostri pensieri

Mi sposto, almeno per oggi, dalla famigerata Balloons all’altrettanto famigerata Miscellanea; così come una rana salta da uno stagno radioattivo abitato da lontre idrofobe a un pastrano cerato blu. Andrò direttamente all’oggetto dell’articolo odierno, lasciando che sia ciò che segue a spiegare: Mauro Corona. Mi premuro subito di rispondere alle domande più probabili. No, Mauro

Luce nell’oscurità: Atene e Lefkandì

Luce nell’oscurità: Atene e Lefkandì

Lasciati dietro le spalle i resti di Micene, è per noi giunto il momento di inoltrarci nel mare di ipotesi che si insinua tra i colli e le aride costiere dell’Argolide e dell’Attica, un mondo dai contorni sempre più definiti grazie ai reperti archeologici scoperti negli ultimi decenni. Davanti ai nostri occhi si stende un paesaggio

Suburbana, di Rudy Toffanetti

Suburbana, di Rudy Toffanetti

Cosa aspettate uomini alla stazione Qualcuno che vi rapisca O vi porti via In periferie sconosciute Cinte da tramonti di carta vecchia Sciolti in piume e petali di fiori Dove il cemento si liquefa in cera? Giocano a rimpiattino le rotelle di ghiaccio Di questo inizio secolo In cui tutto ancora intatto In polvere già

Gli ultimi giorni di Micene

Gli ultimi giorni di Micene

Nel lontano 1876 un ricco mercante tedesco di nome Heinrich Schliemann, fermamente convinto che le storie raccontate da Omero all’interno dei suoi poemi fossero genuine, intraprese una ricca campagna di scavi che portò alla scoperta del più ricco sito del secondo millennio a. C. in area egea: Micene. Cosa trovò il caro Schliemann  tra i resti

Cinquanta sfumature di Franz

Cinquanta sfumature di Franz

Morti idiote di compositori più o meno famosi – II Franz Kotzwara   Se, mentre passeggiate per le vie della vostra città, un giorno vi venisse l’uzzolo di domandare all’uomo della strada cosa sappia di Franz Kotzwara, le risposte oscillerebbero tra «Eh?», «Giuro che ero ubriaco, quella volta lì» e «Parli con la mia segretaria».

Il cinema di Peter Medak

Il cinema di Peter Medak

Analizzando la società e gli individui coi “ritrovati” della satira, corroborati dall’apporto di sceneggiature dalla fantasia mai statica, Peter Medak, regista di solida bravura tecnica, ha girato dagli anni ’70 ad oggi una serie di opere notevoli. Quest’articolo ne tratterà brevemente cinque offrendo, a vanvera ma non alla cieca, una rapida panoramica di alcune loro

Cumulinembi ante-litteram

Cumulinembi ante-litteram

Il 2 agosto 1876 James Butler Hickock, tramandato alla storia come “Wild Bill”, entrava nel saloon Nuttal & Mann’s di Deadwood, attuale Sud Dakota, per non uscirne mai più. Considerato da molti il più grande pistolero del West, Bill venne freddato a tradimento da un colpo alla nuca, non essendo riuscito, com’era solito fare, a

La notte che consacra i film

Stasera verranno assegnati gli Academy Awards, e nessuno sa ancora chi sarà il vincitore della categoria Miglior Film. Stavolta infatti non esiste un vero favorito: tutti i film hanno luci e ombre, e non esiste un capolavoro assoluto che possa avere la strada spianata. Ragione in più per guardarsene, se non tutti, almeno un buon numero: