Browse By

Focolare color cielo

Inizio con lo scusarmi per il “salto di pubblicazione” che, vi sarete accorti[1], la rubrica ha subito due settimane fa, per motivi che vorrei definire “cause di forza maggiore”.

Ora, per ributtarci nel pieno dell’azione, possiamo cominciare dalla questione del titolo lasciata sospesa l’ultima volta, poiché credo di aver trovato un compromesso che compromesso non è: d’ora in avanti, ciascun numero avrà un titolo tutto suo che esulerà dal semplice “Nome dell’opera”, e gli eventuali “titoli a mezza pagina” resteranno tali. Agli atti, più che di un compromesso assente, stiamo parlando di un capriccio arbitrario del vostro autore; un capriccio sul quale sono sicuro potrete sorvolare.

Primo esempio di questa “verve onomastica” è quello che avete cliccato per leggere queste righe. Spero sia un link di vostro gradimento.

Ciò detto, proseguiamo come da copione.

Il blu è un colore caldo: quando la trasposizione filmica diventa… Sesso lesbico.

Ritengo che molti di voi, a questo punto, siano completamente indifferenti al titolo, mentre il risultato della trasposizione filmica vi stia intrigando.

color pulce

Il pulce è un colore minaccioso

Scherzi  a  parte,  mettiamo  un  po’  d’ordine  nella  testa  di  chi  non  abbia familiarità con l’opera: la graphic novel “Il blu è un colore caldo” di Julie Maroh, annata d’oro 2010, è la “fonte” della pellicola di Abdellatif Kechiche Vita di Adele“, che nel 2013 si è aggiudicata la Palma d’oro di Cannes.

Does it ring a bell now?[2]

Per chi non lo sapesse, il film in questione, per quanto elogiato all’infinito dalla giuria, è stato oggetto di un numero non inferiore di critiche per il modo (in apparenza) tirannico in cui il regista ha voluto gestire la sua troupe. Ciò che, tuttavia, ha davvero sconvolto il mondo del cinema, è la mole inusitata  di  scene  di  sesso  esplicito  che hanno occupato una discreta fetta della pellicola  e coinvolto  le  due  protagoniste della vicenda, Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos; scene che, a dire dell’autrice della graphic novel, erano estranee alle sue vignette inchiostrate.

Proprio il sesso è stato da molti indicato come il principale margine di differenza tra le pagine di Maroh e i fotogrammi di Kechiche. Tuttavia, se mi è concesso dire la mia (e qualcuno, a questo riguardo, ha avuto la cortesia di mettermi a disposizione una rubrica bisettimanale), è su un altro aspetto che si misurano le distanze tra l’opera del 2010 e la sua trasposizione del 2013.

A differenziare “Il blu è un colore caldo” da “La vita di Adele” non è il tempo “a schermo” dedicato a due ragazze che si contorcono in posizioni sempre più complesse (il sesso e la nudità li aveva già tirati in ballo e raffigurati la giovane autrice francese, per quanto in via meno estrema), bensì due approcci diversissimi a una pregnante, toccante storia d’amore tra una coppia di persone. Se il film di Kechiche indulge in simposi saffici e filosofici, nel rapporto tra arte e sessualità e nel dolore infinito delle relazioni infrante, il volume di Maroh è una storia che, per quanto profonda, ci si presenta nella sua immediatezza, in una sua ingenuità (prestatemi un’accezione positiva del termine) deliziosamente adolescenziale e infinitamente tenera, in tavole bianconere dove il blu del titolo, fedele al suo ruolo, svetta come una fiaccola, illuminando una storia i cui i personaggi sono più loquaci, rumorosi e simpatici delle figure discrete e silenti che appaiono e scompaiono nel film, che contemplano il mondo con gli occhi di chi sa di muoversi all’interno di una grande opera.

Che dire, dunque, delle mie preferenze al riguardo?

Confesso che il fumetto ha toccato corde più profonde di quelle raggiunte dal film,  ma  non  credo  ciò  debba  svalutare  la  pellicola.  Queste  due  opere, ruotanti attorno alla stessa vicenda, sono a mio dovere da osservare e godere  separatamente,  affidate  a  un  giudizio  individuale.  In  ogni  caso, consiglio vivamente entrambe[3].

Concludo il numero odierno con una chicca che con quanto detto finora ha ben poco a che fare.

Dovete sapere che, nel mio caso, la visione del film ha preceduto la lettura del fumetto: la prima ha avuto luogo nella penombra rassicurante di una sala di proiezione pavese destinata,  quella  sera,  a  pellicole “intellettuali”;  la  seconda  sotto  le  luci insistenti del Como-Pavia Trenord, una domenica soleggiata.

È proprio sulla prima istanza che vorrei concentrarmi (e concentrarvi). Lasciate che classifichi,  in  maniera  rapida  ma neanche troppo approssimativa, le reazioni degli spettatori alle “scene hard” incriminate nella pellicola di Kechiche, avvalendomi a questo scopo del mio impeccabile (???!!!) francese.

color seppia

Il seppia è un colore erotico

1) Le Moralist: prevalentemente over 60, impegnato/a ad argomentare l’oscenità delle vicende a schermo con la/il propria/o consorte col massimo tono di voce a sua disposizione; in assenza della/l partner, probabilmente, alcuni/e di loro sarebbero scalati/e nella categoria 2).

2) Le Arrapeu: fascia d’età indefinita tra i 15 e i 50, i cui elementi hanno osservato con la massima attenzione l’avanzamento delle scene in corso senza proferire parola, ma limitandosi a riporre la giacca a vento sulle gambe, ovviamente per evitare di calpestarla accidentalmente.

3) Le votre Auteur: in teoria ventenne, ma tacciabile di età indefinita, ha trascorso il tempo ridendo come in preda a un raptus isterico al pensiero che, al successivo cambio di inquadratura e al relativo cambio di posizione, le  due  amanti  sarebbero  apparse  fuori  dal  loro  appartamento,  sedute gambe a penzoloni sul ramo di un albero, passandosi una sigaretta con pacata lentezza[4].

4) Le  Pierrot: età variabile, include tutti coloro che non rientrano nelle categorie sovra elencate.

Davide, chiudo. Al prossimo giro!

Print Friendly, PDF & Email
The following two tabs change content below.
Davide Cioffrese

Davide Cioffrese

Eclettico nella mia conoscenza del nulla, narcisista nella misura in cui il mio ego non incontra quello degli altri, più sensibile agli attacchi emotivi di opere fittizie che a quelli del libro/film/ videogioco chiamato “vita” (aspetto alquanto allarmante). Tento di approcciarmi al mondo nella maniera più amichevole possibile, ma se di dovere (e, talvolta, a sproposito) non mi faccio scrupoli ad attaccarlo con eguale ferocia. Salvo poi, magari, sentirmi dispiaciuto al riguardo. Non aspettatevi che lo confessi, comunque. Jack of… some trades, master of none… in particular.