Imparare a perdersi

Imparare a perdersi

Nelle ultime pagine del romanzo Le tre del mattino di Gianrico Carofiglio spunta una parola meravigliosa: Balikwas. È un termine assai difficile da tradurre, che nelle Filippine – in lingua Tagalog – è utilizzato per descrivere la sensazione che si prova saltando all’improvviso in un’altra situazione e sentendosi sorpresi o cambiando il proprio punto di

Dial Q for “Q”, di Luther Blisset

Dial Q for “Q”, di Luther Blisset

La memoria. Sacca piena di cianfrusaglie che rotolano fuori per caso e finiscono col meravigliarti, come se non fossi stato tu a raccoglierle, a trasformarle in oggetti preziosi. Nella prima metà dell’800 o giù di lì, quell’inguaribile rompipalle di Alessandro Manzoni si interroga sulla legittimità del romanzo storico, di quel genere cioè necessariamente finzionale affondante

Bianca di Giovanna Caratelli

Bianca di Giovanna Caratelli

Stavo guardando tra gli ebook sulla rete, quando mi è capitato di vedere quello della mia amica Giovanna Caratelli e, dopo averlo acquistato, leggendo a casaccio una pagina, mi sono caduti gli occhi su questa frase e sono rimasta a leggere per un po’, approfittando dell’insperata tranquillità domestica. Ho già letto altri libri di Giovanna,

Il minotauro

Il minotauro

Non avrai mai l’occasione di farmi delle domande, ma la mia voce ti giungerà nelle lettere, e io so che le leggerai. Come faccio a saperlo? Non posso darti altra spiegazione di quella che sto per dirti: da quando ho memoria di me, io ti ho cercata. Mi era chiaro che tu esistevi, ma non

Fino alla fine non ho camminato

Fino alla fine non ho camminato

Provo un’avversione istintiva per le foto degli autori sui libri, di qualunque genere esse siano: piccole e a mezzo busto sull’aletta posteriore, sorridenti, serie e compassate, enormi gigantografie sulla quarta di copertina… insomma, preferirei avere la possibilità di immaginare io stessa l’autore o, ancora meglio, di lasciare i suoi connotati avvolti da un’aura di inavvicinabilità,

I Cartoni… animati di Nicola Viceconti

I Cartoni… animati di Nicola Viceconti

Ho dovuto imparare a scalare le montagne della vita e a cercare l’amore dove amore non c’era. Nell’illusione di averlo trovato, o meglio, nel tentativo di rammendare il buco dell’assenza della famiglia di origine, mi aggrappai… Rieccoci a parlare di Nicola Viceconti, istrionico e vulcanico scrittore, e del suo ultimo libro, uscito a maggio e

Stoner di John Williams: la vita straordinaria di un uomo mediocre

Stoner di John Williams: la vita straordinaria di un uomo mediocre

Come? Sta accadendo davvero? Sto veramente recensendo un libro? Cioè, vuol dire che sono capace di leggere parole che non siano state incluse in un balloon, ridotte a sottotitoli o incasellate nello slot di testo di un qualche gioco? Dalla regia sostengono di sì, quindi dev’essere vero. Lasciate che vi dica una cosa. Nella mia

Le anime travagliate di Richard Yates

Le anime travagliate di Richard Yates

Undici solitudini è una raccolta di undici racconti che, per una coerenza cristallina, costa anche undici euro. Numero undici a parte, si tratta di una raccolta di short stories del 1962 di Richard Yates, autore del celebre romanzo Revolutionary Road, da cui è stato tratto l’ancor più celebre film omonimo con Leonardo DiCaprio e Kate

Piccoli equivoci senza importanza

Piccoli equivoci senza importanza

Mi piace immaginare il mondo dei lettori diviso a metà: da un lato, gli amanti del punto fermo, dall’altro, quelli dei puntini di sospensione. Mi spiego: nel primo gruppo rientrerebbero coloro che preferiscono affidarsi all’abilità dello scrittore di attorcigliare i fili della narrazione ma di sbrogliare poi l’intera matassa prima dell’epilogo, in modo da avere