Juli Zeh continua a stupirci

Juli Zeh continua a stupirci

Di notte i vulcani apparivano ancora più fiabeschi, ombre di un nero profondo contro un cielo nero scintillante, era come se stessero viaggiando attraverso lo scenario di un film fantasy. La luna era sdraiata sulla schiena, sottile come un’unghia tagliata, le stelle erano innumerevoli e luminose… Juli Zeh torna in libreria con un altro successo,

La natura come rifugio: intervista a Franco Faggiani

La natura come rifugio: intervista a Franco Faggiani

Franco Faggiani è giornalista e scrittore. Ha al suo attivo alcuni libri di saggistica, ma è conosciuto per i suoi romanzi: con La manutenzione dei sensi, pubblicato l’anno scorso per Fazi Ediore, ha vinto diversi premi. Quest’anno ha pubblicato Il guardiano della collina dei ciliegi, che abbiamo recensito lo scorso maggio. Abbiamo avuto la fortuna

Isaac Asimov: il machine learning prima che fosse mainstream

Isaac Asimov: il machine learning prima che fosse mainstream

Per scrivere questo articolo è stato fondamentale il confronto con Tommaso Cavandoli, System Application Engineer presso un’azienda che si occupa di programmazione e integrazione di robot industriali.   Quando si parla di scrittori di fantascienza che scrivono di robot, Asimov è certamente il primo nome che viene in mente. Tutti conosciamo il nome di Asimov,

Questo incipit è meraviglioso

Questo incipit è meraviglioso

  Intervista a Francesca Frigerio, traduttrice di Rebecca West   Come mai Rebecca West non ha ricevuto grande riconoscimento in passato, nonostante sia spesso definita una dei giganti della letteratura inglese? Il riconoscimento c’è stato quando lei era in vita: tra gli anni quaranta e gli anni sessanta lei era il punto di riferimento giornalistico

In bilico tra suggestioni: Come diventai monaca

In bilico tra suggestioni: Come diventai monaca

Questa sarà una recensione concisa, non per scelta ma per esigenza. Il romanzo di cui parlerò oggi è infatti molto breve, ma soprattutto diverso, completamente e straordinariamente diverso da qualunque cosa io avessi mai letto in precedenza. Come diventai monaca di César Aira è un racconto di formazione, il diario di una follia, la confessione

Il guardiano della collina dei ciliegi

Il guardiano della collina dei ciliegi

Shizo Kanakuri ama correre nei boschi che circondano Tamana, un piccolo agglomerato di case in legno che formano un villaggio circondato dalle colline, spesso sconquassate dai terremoti, su un’isola nel sud del Giappone. Giunto a Tokyo, le sue abilità nella corsa vengono scoperte da alcuni suoi professori. Ciò lo condurrà lontano, sino a Stoccolma dove,

È tempo di ricominciare, di Carmen Korn

È tempo di ricominciare, di Carmen Korn

È tempo di ricominciare per coloro che hanno subito gli orrori dei campi di concentramento e per quanti non hanno mai perso la speranza di riabbracciare i propri cari, aggrappati ai sottili fili della speranza, per chi ha perso i propri familiari, per i delatori e per i sopravvissuti. La guerra è finita, e tutto

Il frutto amaro delle Lezioni Americane

Il frutto amaro delle Lezioni Americane

Il pesante è la radice del leggero Lao Tsu Italo Calvino è uno scrittore sorprendente. Sorprendente forse più oggi di quand’era in vita. Autore minimo, nello stile, nella produzione, nei temi: autore apparentemente da scuole medie, da antologia. Eppure un autore, forse l’autore, che ha esercitato un influsso profondissimo sulla letteratura e sulla cultura italiana.

Bukowski, ultimo atto

Bukowski, ultimo atto

Capita molte volte che nell’ultima parte di esistenza un essere umano intraprenda un colloquio con se stesso per formulare una sorta di calcolo finale, stilare un resoconto definitivo catalogando il proprio passato al fine di rendersi cosciente di averlo vissuto e infine di accettarlo. Così si suddividono i ricordi, per comprendere ciò che di buono