Miyazaki ambientalista: la questione ecologica nei film dello Studio Ghibli

Miyazaki ambientalista: la questione ecologica nei film dello Studio Ghibli

La cultura giapponese propone una visione molto diversa rispetto a quella occidentale del rapporto tra essere umano e ciò che siamo abituati a definire “natura”. Questa differenza è data in particolare da due fattori: 1) Da una parte dalla religione Shintoista, una forma di politeismo animista tipico dell’arcipelago nipponico, che riconosce la presenza di uno

Il potere e le immagini in Diaz: don’t clean up this blood

Il potere e le immagini in Diaz: don’t clean up this blood

Era luglio del 2001 quando a Genova si manifestava per difendere le peculiarità di ogni angolo del pianeta, mentre le grandi potenze mondiali si riunivano per deciderne le sorti, senza preoccuparsi di ascoltare la voce di migliaia di persone accorse in Italia da tutto il mondo per opporsi a quella che oggi tutti conosciamo come

Il vicino Totoro… solo al tempo dell’infanzia potresti incontrarlo e poi non più!

Il vicino Totoro… solo al tempo dell’infanzia potresti incontrarlo e poi non più!

Tonari no Totoro (il mio vicino Totoro), questo il titolo originale del film con al centro il gigantesco animale divenuto così famoso in Giappone da essere usato come simbolo dello Studio Ghibli. Il film non ha riscosso subito grande successo al botteghino, per questo motivo sono serviti diversi anni affinché la fama di Totoro si

Metropolis: il dissing di H. G. Wells contro Fritz Lang

Metropolis: il dissing di H. G. Wells contro Fritz Lang

Recentemente ho visto il film più stupido di sempre. Non ritengo sia possibile girarne uno più stupido […]. Si chiama Metropolis, proviene dai grandi studi della UFA, in Germania, e al pubblico è dato di sapere che è stato prodotto con costi enormi. La pellicola presenta in un unico prodotto sconclusionato praticamente ogni possibile sciocchezza,

Fred e Ginger, ballando guancia e guancia

Fred e Ginger, ballando guancia e guancia

Nel 1933, gli Stati Uniti erano usciti da un paio di anni dalla recessione, il proibizionismo era finito e Hollywood stava vivendo il suo periodo d’oro. Il musical era uno dei generi che andava per la maggiore, favorito dalla recente scoperta del sonoro e dal teatro di varietà, una forma d’arte costituita da una sequenza

El Hoyo: uno sguardo dissacrante sul nostro vivere comune

El Hoyo: uno sguardo dissacrante sul nostro vivere comune

«Ci sono tre tipi di persone: quelli di sopra, quelli di sotto, e quelli che cadono»: si apre con quest’affermazione a metà tra il criptico e il didascalico El Hoyo, film del 2019 diretto dal regista basco Galder Gaztelu Urrutia, fruibile in questi giorni sulla piattaforma di film in streaming Netflix. Tutto il film ruota

E ora… Samba

E ora… Samba

Se è vero che l’arte è sempre una riflessione sul mondo, ci sono alcune opere che manifestano più di altre il loro debito nei confronti del periodo in cui vengono alla luce. L’ésprit du temps che si condensa in questi prodotti culturali fa sì che attraverso di essi si possano disvelare i tic, le tendenze,

Breakfast Club, il cult anni ’80 sempre attuale, anche dopo 35 anni

Breakfast Club, il cult anni ’80 sempre attuale, anche dopo 35 anni

Usando il linguaggio più semplice e la definizione più comoda, lei ci vede come: un cervello, un atleta, un’handicappata, una principessa e un criminale. Credo che lei sarà felicissimo di tutto questo. Distinti saluti, il Breakfast Club. Questa è solo una frase di un semplice tema scolastico dato da svolgere come punizione per comportamenti poco

Oscar 2020, una magnifica sorpresa

Oscar 2020, una magnifica sorpresa

  L’articolo è stato scritto a quattro mani con Salvatore Ciaccio,  che si è occupato di The Irishman, Jojo Rabbit e C’era una volta a… Hollywood.  La recensione di 1917 l’abbiamo scritta insieme   E anche quest’anno c’è stata la premiazione degli Oscar. Nove i concorrenti per la categoria miglior film, e, bisogna dirlo, la