Frida Castelli, l’arte dei dettagli sensuali

Frida Castelli, l’arte dei dettagli sensuali

Frida Castelli è una pittrice milanese di arte erotica. Molti a questo punto rimarranno straniti, altri scandalizzati, ma vi assicuro che tutto ciò con cui avrete a che fare sarà una percezione di pura bellezza e semplicità. I suoi quadri, carichi di sensualità, trasmettono infatti eleganza e mai volgarità, esprimendo la delicatezza intrisa nell’intimità di

L’avanguardia nel XXI secolo, tra tecnologia e leggerezza

L’avanguardia nel XXI secolo, tra tecnologia e leggerezza

AVANGUÀRDIA: sf. [sec. XVI; dal francese avant-garde]. Fig., ogni movimento, scuola, corrente artistica o ideologica che si pone fuori della tradizione propugnando concezioni nuove e rivoluzionarie: letterato, scrittore d’avanguardia; pittura d’avanguardia. (Fonte: sapere.it) Prima di approdare nel mondo artistico, il termine “avanguardia” era di uso militare, in quanto indica un reparto che precede un corpo

Zdzisław Beksiński – l’arte del macabro

Zdzisław Beksiński – l’arte del macabro

«Bisogna vivere come si pensa, se no, prima o poi, si finisce col pensare come si è vissuto». Così Paul Bourget, noto scrittore francese, sviscera in una singola frase la propria visione del rapporto dell’uomo con l’esistenza. Un conflitto esasperante tra due realtà: l’io e il mondo, che presuppone quindi due singoli finali, entrambi caratterizzati

Raffaello architetto: la Basilica di San Pietro

Raffaello architetto: la Basilica di San Pietro

A tutti sono noti i dipinti di Raffaello, ma solamente pochi conoscono la sua attività nelle vesti di architetto, trascurata maggiormente anche dalla critica. Questo indubbiamente è segno di quali siano gli interessi primari degli storici dell’arte, ma sull’argomento ci sono anche problematiche ancora aperte, dovute soprattutto alla scarsezza di evidenze materiali: gran parte delle

Da Leonardo a Raffaello: la lezione della «scuola del mondo»

Da Leonardo a Raffaello: la lezione della «scuola del mondo»

L’anno scorso siamo stati “bombardati” con eventi e commemorazioni per i Cinquecento anni dalla morte di Leonardo; quest’anno è il turno di Raffaello. Ma qual è il fil rouge che accomuna questi due grandi artisti? Che rapporti sono intercorsi tra i due? Che conseguenze ha avuto il loro – tutt’altro che casuale – incontro? Uno

George Grosz – l’arte, la vita e la politica

George Grosz – l’arte, la vita e la politica

Al tramonto della prima guerra mondiale, la Germania iniziò un’inesorabile discesa verso il baratro. Ben prima della parentesi Nazista infatti, il paese si ritrovò in un periodo di profonda crisi economica. Nello scenario di povertà e miseria che caratterizza la nascita della Weimarer Republik, la ben nota “Repubblica di Weimar”, e al cui interno sono

Muri corpo vivo. Gattonero: la memoria delle periferie

Muri corpo vivo. Gattonero: la memoria delle periferie

Con-tatto: forme di resistenza artistica nelle periferie Muri corpo vivo – pt.2   Parlando con Alessandro Gatti, in arte Gattonero, abbiamo voluto rintracciare un quid elementare, una vocazione primigenia all’origine delle prime tag e dei primi murales, che si cela dietro agli sviluppi contemporanei della street art – talvolta valorizzanti, talvolta ossimorici – e che

Muri corpo vivo. Ivan Tresoldi: il potere trasformativo della parola

Muri corpo vivo. Ivan Tresoldi: il potere trasformativo della parola

Con – tatto: forme di resistenza artistica nelle periferie Muri corpo vivo – pt. 1   La nascita della Street Art come fenomeno organico e connotato si fa risalire comunemente al boom del graffitismo nella New York tra gli anni ‘60 e ‘70, consacrata poi dall’invenzione della bomboletta spray negli anni ‘80 e riplasmata infine

Vittorio Corcos: sguardi in mostra

Vittorio Corcos: sguardi in mostra

Quando può apparire vero e intenso uno sguardo fatto di pittura? Fino al 16 febbraio 2020 è possibile ammirare al museo Accorsi-Ometto di via Po a Torino la mostra dedicata al pittore toscano del tardo Ottocento Vittorio Corcos intitolata “Vittorio Corcos. L’avventura dello sguardo”. Vittorio cresce in una famiglia ebraica, dopo aver frequentato le accademie