Salvatore Ciaccio

Luce nell’oscurità: Atene e Lefkandì

Lasciati dietro le spalle i resti di Micene, è per noi giunto il momento di inoltrarci nel mare di ipotesi che si insinua tra i colli e le aride costiere dell’Argolide e dell’Attica, un mondo dai contorni sempre più definiti grazie ai reperti archeologici scoperti negli ultimi decenni. Davanti ai nostri occhi si stende un paesaggio

Gli ultimi giorni di Micene

Gli ultimi giorni di Micene

Nel lontano 1876 un ricco mercante tedesco di nome Heinrich Schliemann, fermamente convinto che le storie raccontate da Omero all’interno dei suoi poemi fossero genuine, intraprese una ricca campagna di scavi che portò alla scoperta del più ricco sito del secondo millennio a. C. in area egea: Micene. Cosa trovò il caro Schliemann  tra i resti

Polifonica Excalibur

Polifonica Excalibur

Dopo aver dedicato un articolo alla Chanson de Roland, il poema epico medievale che così tanto ha influito sulla letteratura europea successiva, vorrei proporre una riflessione su un’opera cinematografica che riprende e rielabora in una sintesi visiva e sonora davvero molto originale e affascinante la materia Bretone del coevo (ma soprattutto successivo) genere romanzesco. Quest’ultimo è più

Recensione di “E le stelle non stanno a guardare”

Recensione di “E le stelle non stanno a guardare”

E le stelle non stanno a guardare di Loredana Limone, edito da Salani, è il secondo volume di una fiaba ambientata in un borgo fittizio dell’Italia contemporanea, un teatro dipinto in poche e soffici pennellate che fa da sfondo alle avventure di simpatici personaggi, piccole e grandi figure che rincorrono la vita in tutte le

L’epica e il popolo: la Chanson de Roland

L’epica e il popolo: la Chanson de Roland

Clangori di armi che cozzano su campi smaltati di verde, schiere di valorosi guerrieri che lottano all’ultimo sangue per i loro rispettivi signori in lande desolate, in spazi indicati con nomi storici eppure essenzialmente metafisici. Il tempo divino che rompe il ciclo degli eventi, crea un sussulto e un susseguirsi di azioni mirabolanti. Il Medioevo

Fatale Melancholia

Fatale Melancholia

«La terra è cattiva, non dobbiamo addolorarci per lei.» «Cosa?» «Nessuno ne sentirà la mancanza.» «Ma dove crescerà Leo…dove crescerebbe?» «L’unica cosa che so è che la vita sulla terra è cattiva.» «Potrebbe esserci vita in altri luoghi!» «Ma non c’è.» «La vita è soltanto sulla Terra…. e per poco ancora.» L’incubo millenario, la chiusura

L’epica e il popolo: l’Eneide di Virgilio

L’epica e il popolo: l’Eneide di Virgilio

Nel 19 a.C. sulle coste italiche, lungo la via che porta a Napoli, è sepolto l’autore latino forse più conosciuto al mondo: Virgilio . La sua vita, la sua opera sono ancora insegnate nelle scuole, le sue parole hanno ispirato infiniti poeti, hanno incantato milioni di lettori, sono divenute patrimonio culturale di un popolo, quello romano,

Piccola demagogia greca

Piccola demagogia greca

Risalendo il corso dei secoli e abbandonati Petronio e Seneca al loro destino di Congiura, introduciamo in questa nuova puntata un autore ben più antico dei precedenti citati, un maestro del Teatro Greco, un personaggio immerso nell’attività politica del suo tempo: Aristofane. Chi è costui? Semplicemente il più antico rappresentante della Commedia Greca di cui

Labirinto-Satyricon: i due volti dell’uomo

Labirinto-Satyricon: i due volti dell’uomo

Perché mi guardate o Catoni, con fronte severa e condannate un così semplice libro? Qui sorride con grazia leggera uno stile corretto, e fa la storia degli umili una candida lingua. Chi non conosce l’amore? Chi ignora le gioie di Venere? Chi non ama scaldarsi le membra in un tiepido letto? Il dotto Epicuro padre del