Browse By

Tag Archives: miscellanea

Viti, bulloni e rondelle della scrittura

Per quest’articolo la rana permane arroccata sul pastrano, gracidando lentamente senza produrre suoni mentre le nutrie, stizzite, la guardano in cagnesco da discreta distanza. Comincio con una domanda a bruciapelo: quali sono gli strumenti del letterato? Cazzuola e cemento? No, direi proprio di no. Carta

Verrà la Morte e avrà il tuo piede

Morti idiote di compositori più o meno famosi – parte I Jean-Baptiste Lully Il 29 Novembre del 1632, la moglie di un mugnaio fiorentino scodellò un infante. Per lei non fu una novità, perché prima di lui ne aveva già scodellato un altro e un’altra

La vecchiaia come valore aggiunto

La nuova vecchia La donna vecchia non è mai per intero colei che crede perché è anche sempre tutte quelle che è stata – sebbene mai davvero la donna che gli altri erano certi di conoscere. Il volto che oggi mostra non lo ha mai

Fatale Melancholia

  «La terra è cattiva, non dobbiamo addolorarci per lei.» «Cosa?» «Nessuno ne sentirà la mancanza.» «Ma dove crescerà Leo…dove crescerebbe?» «L’unica cosa che so è che la vita sulla terra è cattiva.» «Potrebbe esserci vita in altri luoghi!» «Ma non c’è.» «La vita è

Beethoven: l’estasi, i tormenti, la tenacia

Come tutti i geni, anche Beethoven è un pescatore. Le sue note, come piccoli ami, portano alla luce dal mare profondo della mente passioni dai colori caldi, intensi ma a volte accuratamente sfumate, in modo da poterne vedere la profondità. Beethoven narra la vita. La

Caspar David Friedrich, il viandante sulle nebbie

La Poesia come smarrimento

[…] Ma sedendo e mirando, interminati Spazi di là da quella, e sovrumani Silenzi, e profondissima quiete Io nel pensier mi fingo; ove per poco Il cor non si spaura. […] (Versi tratti dalla magnifica poesia di Giacomo Leopardi: L’Infinito. Da G. Leopardi, Canti, 1993,

Picasso, donna che scrive

La Poesia è Donna

La poesia è donna che abbiamo in noi Durante nove lunghi mesi, lunghi come nove secoli, è una gravidanza senza parto ed è bene così. Altrimenti la matrice sarebbe sterile, e il neonato morto. I suoi nove secoli non passano mai. (Oliver Friggieri) Quando ho

Liu Xiaobo

Quando alla Poesia mettono il bavaglio

Hanno chiuso la cella; hanno buttato la chiave. La penna è diventata un ago e la carta tante pezze da cucire. Questa è la pena assurda che sta scontando il poeta Lu Xiaobo, colpevole di aver aderito al movimento Charta 08, di cui è stato