Browse By

gilgamesh

Gilgamesh: prima del mondo

Più che un articolo, è un appello. Alla Casa Editrice Mondadori, che purtroppo non stampa più L’epopea di Gilgamesh a cura di Giovanni Pettinato. Detta così, sembra una richiesta superflua. Invece no, perché l’edizione di Giovanni Pettinato è stato un importantissimo progetto editoriale: è l’unica

focolare color cielo, ovvero: il blu è un colore caldo

Focolare color cielo

Inizio con lo scusarmi per il “salto di pubblicazione” che, vi sarete accorti, la rubrica ha subito due settimane fa, per motivi che vorrei definire “cause di forza maggiore”. Ora, per ributtarci nel pieno dell’azione, possiamo cominciare dalla questione del titolo lasciata sospesa l’ultima volta,

nuova mosca

Inaspettatamente, Mosca

Se per qualche strana ragione, doveste capitare nel paesino di provincia in cui vivo, vi suggerirei di visitare la piccola chiesa nel centro del paese. Lì, una volta entrati, vi troverete davanti ad un grande cero… pasquale, direte voi, miei 25 lettori (cit.); no, quella

No Thumbnail

Chi era Hokusai?

Ukiyo-e: è la parola con cui i giapponesi chiamano le stampe di Hokusai e degli artisti coevi, come i celebri Hiroshige e Utamaro, o i meno celebri Utagawa Kunisada o Esho. Queste stampe incredibili, come questa fenice dai colori violenti e le linee ardite, arzigogolate,

carpe diem

Il carpe diem attraverso i secoli

Oltre le mura, sul volto i tiepidi raggi del sole morente, la crespa verzura scossa dall’Austro. L’odore delle cucine, i rumori dei servi, il soffio del vento, il cantare degli uccelli sul far della sera. Nel cielo le stelle, i miei piedi sul sentiero che

think halloween

Rapida guida per la notte di Halloween

Quelli di voi che la notte di Halloween controllano che le porte siano ben chiuse, le finestre sprangate e ogni angolo buio della casa sgombro alzino le mani.  Mi sembra di vedere pochi palmi levati al cielo, ma forse il vostro scetticismo e la vostra

la strada mccarty

Il buio non nasconde la Strada

L’Istituto Ciechi di Milano ospita nella sua sede una mostra intitolata Dialogo nel buio: è un percorso che si compie in totale assenza di luce, accompagnati da esperte guide non vedenti, dove ci si affida al tatto, all’udito, all’olfatto e al gusto per simulare esperienze