Browse By

Noi, Dante e la morte

Per leggere la puntata precedente, clicca QUI. Prima o poi tutto finisce: un amore che ci ha infocato l’animo e il viso, un’amicizia che abbiamo creduto eterna e che poi si è sgretolata sino a sfaldarsi o per la debolezza dei pilastri su cui abbiamo

Chi c’è dall’altra parte del libro

Comincerò immediatamente con lo scusarmi; mi sono infatti reso colpevole di una grave mancanza, non ho mai dato sufficiente spazio a chi ha reso questa intera rubrica possibile: gli autori delle fiabe. Oggi proverò a rimediare non parlando, per una volta, di favole, ma di

Vagabondo che non sono altro

Rieccoci qui per il secondo, esaltante (ma soprattutto esaltato) articolo-fotocopia del format ▌▌PAUSA di Yotobi. Quest’oggi tratterò della mia esperienza col primo volume di Vagabond, annata d’oro 1998; un fumetto basato sul romanzo Musashi di Eiji Yoshikawa (1935). Qualcuno potrebbe riconoscere nel suo autore, Takehiko

L’epitaffio per l’Europa: Nuno Júdice

Democrazia Andai dalla democrazia imbalsamata, come il cadavere di Lenin, a fiutare formalina e acquaragia, in uno scantinato dell’Europa. Le stillavano sopra dall’alto unguenti e colonie, le bruciavano d’incenso e hashish, le recintavano l’opera completa di Rousseau, di Saint-Just, di Victor Hugo, e il corpo

Noi, Dante e l’amore

Per leggere la puntata precedente, clicca QUI. Petronio, sedutosi proprio alla nostra sinistra, si rivolge agli altri poeti del cenacolo infernale, tra i quali spicca il nostro Dante vestito di rosso, emanando un intenso effluvio di profumi e fragranze mediorientali ad ogni suo gesto (lontano

Folgorante Antigone: Sofocle e gli uomini

Antigone: seconda tragedia di Sofocle, forse la più celebre. Antigone. Creonte. Due modi di intendere il mondo, due realtà opposte e inconciliabili. La forza dell’etica, della spiritualità, della coerenza da una parte, la razionalità della realpolitik, del compromesso sofistico, dall’altra. In Sofocle si guardano, si

Noi, Dante e le streghe

Lo buon maestro cominciò a dire: «Mira colui con quella spada in mano, che vien dinanzi ai tre sì come sire: quelli è Omero poeta sovrano; l’altro è Orazio satiro che vene; Ovidio è ‘l terzo, e l’ultimo Lucano. Però che ciascun meco si convene

Una donna tutta d’un pezzo

Apparenza Vivo tra quattro mura matematiche allineate a metro. Mi circondano apatiche animucce che non un grammo sanno di questa febbre azzurra che nutre la mia chimera. Uso una pelle finta e la tratteggio in grigio. Corvo che sotto l’ala nasconde un fiordaliso. Sorridere mi