Category Archives: Il Cinematografo

bb

New Game+: Westworld

Un paio di doverose premesse: come chiunque dotato di occhi per vedere la dashboard avrà forse constatato, è da mesi che non scrivo una beata cicca. E questa è fatta. In secondo luogo, per quanto concerne Westworld, sono da annoverare in quella smilza schiera il cui

locandina23

Hai solo 8 minuti!

Introduzione. Il dieci gennaio di quest’anno è morto un pilastro della musica mondiale: David Bowie, un artista davvero molto amato (tra gli altri pure da chi scrive), poliedrico, trasgressivo, spesso in anticipo rispetto ai tempi e al Tempo. La sua dipartita è stata certamente unica,

Her front imagojpg

Lei lui noi

Intro. Seguendo l’esempio del nostro caro Mattia (Macbeth, Irrational man) e imboccando il percorso da lui tracciato nelle ultime settimane, ho deciso di porre sotto i vostri occhi alcune mie riflessioni (o meglio impressioni) relative all’ultima pellicola da me visionata nel modesto bilocale in cui

the revenant

Un po’ di cinema crudo, grazie

Premetto subito una cosa: considero Alejandro González Iñárritu uno dei registri più talentuosi, equilibrati ed influenti degli ultimi quindici anni e lo reputo uno dei miei preferiti in assoluto;  negli ultimi anni mi ha fatto divertire parecchio, arrivando a toccare, con Birdman (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza), uno

macbeth

Bello è il brutto e brutto è il bello: Macbeth

Le mie aspettative per questo film erano molto alte. Macbeth, diretto da Justin Kurzel, con protagonisti Michael Fassbender e Marion Cotillard, avrebbe potuto giocarsi tutto nelle prime battute, nei primi istanti. Una leggerezza di troppo, una libertà esageratamente eccessiva dall’opera originale e si sarebbe parlato di un

irrational man

Woody Allen non impara dagli errori

Esiste una bella locuzione, in latino, che recita così: Parturient montes, nascetur ridiculus mus. Tradotta letteralmente, significa: «I monti avranno le doglie del parto, nascerà un ridicolo topo» (Orazio, Ars poetica, v. 139). Orazio, in questo modo, se la prendeva con quegli artisti che promettono

tt0069198

Il cinema di Peter Medak

Analizzando la società e gli individui coi “ritrovati” della satira, corroborati dall’apporto di sceneggiature dalla fantasia mai statica, Peter Medak, regista di solida bravura tecnica, ha girato dagli anni ’70 ad oggi una serie di opere notevoli. Quest’articolo ne tratterà brevemente cinque offrendo, a vanvera

oscar

La notte che consacra i film

Stasera verranno assegnati gli Academy Awards, e nessuno sa ancora chi sarà il vincitore della categoria Miglior Film. Stavolta infatti non esiste un vero favorito: tutti i film hanno luci e ombre, e non esiste un capolavoro assoluto che possa avere la strada spianata. Ragione in

Melancholia_409_photo_by_Christian_Geisnaes_large1-e1426288437432

Fatale Melancholia

«La terra è cattiva, non dobbiamo addolorarci per lei.» «Cosa?» «Nessuno ne sentirà la mancanza.» «Ma dove crescerà Leo…dove crescerebbe?» «L’unica cosa che so è che la vita sulla terra è cattiva.» «Potrebbe esserci vita in altri luoghi!» «Ma non c’è.» «La vita è soltanto