Browse By

All posts by Salvatore Ciaccio

gore-vidal-copertina

L’età dell’oro, di Gore Vidal

Sembra impossibile leggere L’età dell’oro di Gore Vidal (riedito da Fazi) e non rimanere affascinati dalla complessità dell’affresco storico che l’autore sapientemente costruisce raccontandoci le vicende e la trasformazioni, subite e indotte, dell’impero americano negli anni cruciali del secolo scorso, quelli che hanno visto l’esplosione

Trace the origin of: il mito di Giotto

In una tiepida giornata primaverile, appena qualche anno dopo la metà del Quattrocento, Lorenzo Ghiberti, artista fiorentino di chiarissima fama decise di mettere per iscritto, ovviamente ad esclusivo vantaggio dei posteri, le sue memorie e le sue conoscenze. Era già in là con l’età, coi basettoni

Il presente dei Longobardi: anatomia di una mostra

Lo scorso settembre è stata inaugurata a Pavia la mostra-evento: “Longobardi. Un popolo che cambia la storia”. La mostra sarà a Pavia fino a novembre, poi migrerà in quel di Napoli, per poi spostarsi sui freddi e lontani cieli di San Pietroburgo. Estremamente interessante, oltre

L’epifania dell’imperatore

Alto medioevo astratto – V Nella puntata precedente abbiamo parlato di un monumento di capitale importanza per la storia dell’arte occidentale, ovvero l’Arco di Costantino. Sulla superficie di quest’ultimo la figura dell’imperatore è ritratta in diverse azioni volte a definire e a descrivere, di scena

L’alba del medioevo: l’arco di Costantino

Alto medioevo astratto – IV Per leggere l’articolo precedente clicca qui Dopo alcuni mesi dall’inizio della serie di articoli dedicata alla storia dell’arte altomedievale – e dopo avere sconfitto, in singolar tenzone, la Discontinuità(s) che ultimamente sembra legiferare, ostinata, sulle trame della mia esistenza –

Paul Cézanne: la geometria del reale

Paul Cézanne nasce a Aix-en-Provence, città a nord di Marsiglia, il 19 gennaio del 1839. Questi sono gli anni in cui nasce, più o meno, tutta la generazione degli impressionisti, tra cui ricordiamo Manet, Degas, Renoir, Pissarro. I biografi collocano l’origine della famiglia Cézanne nel

Picasso: un rosa pieno di tradimento

Nell’aprile del 1904 Pablo Picasso decide di trasferirsi definitivamente a Parigi. Il luogo prescelto è un capannone in legno parte di un agglomerato di edifici, il Bateau-Lavoir, che sorge sul fianco sud-occidentale della collina Montmartre, fianco del colle che, digradando, si getta nella corrente della